FacebookTwitter

Tappa Melide – Pedruzo 

By on Ago 22, 2016 in lungo_il_cammino_di_santiago | 0 comments

La Galicia si mostra con tutto quello che ha di buono, ma si assapora già la fine del viaggio.  Le ondate di pellegrini da Compostella li riconosci dal passo lento, dai vestiti puliti e dal vociare. Le biciclette aumentano e dono più pericolose. A volte vien voglia di sgomitare per passare. Ma la palestra degli altri giorni ha fatto forti i muscoli dell’interiorità e mi vien facile meditare anche nel baccano.  Il cammino è per tutti. Anche per chi è qui per fare file di birre. È il cammino a dare quel che serve a ognuno. Questo pensiero mi mette in pace con tutti.  Il cammino si conclude con una celebrazione eucaristica che il parroco ci ha fatto concludere con “U surdatu innammuratu” e fuori i pellegrini galiziani hanno suonato le cornamuse.  Il tutto spezza la malinconia che non fa che...

Tappa Ligonde – Melide 

By on Ago 20, 2016 in lungo_il_cammino_di_santiago | 0 comments

Oggi si parte con calma.  L’umidità si fa sentire, ma rende l’ambiente circostante quasi surreale. Ma la tappa breve non significa che non abbia le sue fatiche. La lezione del giorno è prendere le difficoltà come vengono, con lo sguardo sempre rivolto alla meta.  Noto come le chiese sono un po’ la sagra del sacro. Il moltiplicarsi di statue aumenta le candele sotto e spero anche la sequela al vangelo.  I pellegrini sono moltiplicati a dismisura. Avranno la stessa nostra compostella all’arrivo. Alcuni li vedi con uno zainetto semivuoto da venti litri, il resto del bagaglio lo porta Jacotrans a 5€ a tappa. Questa è la difficoltà morale del giorni: non giudicarli e non gonfiarsi per i chilometri spesi. Ora qui c’è festa, scappo, viva San...

Tappa Barbadelo – Ligonde 

By on Ago 19, 2016 in lungo_il_cammino_di_santiago | 0 comments

Acqua tanta per cominciare bene la tappa, ma è il modo di salutare che ha la Galicia.  Alla pietra dei cento chilometri è plasticamente riprodotta la melanconia del momento.  Il cielo così non ci aiuta, soprattutto se, come in questa fase, è il cuore a camminare e non più le gambe.  A Portomarin il lago ci aspettava per farsi attraversare su un ponte. Qui abbiamo incontrato pellegrini impauriti per la pioggia.  Il nostro incedere incuranti del clima mostra quanta importanza diamo al nostro cammino.  I granai rivolti al cielo, come si usavano qui per evitare l’umido al raccolto, mi ricorda il ricco Epulone, quanto sia importante ammassare in cielo piuttosto che in terra. In fondo so già che quel che serve mai mi mancherà.  Ma non dovevamo fare solo 25 km? Non so come ne abbiamo fatti 36, a questo punto il motore non è più solo il cuore.  Questa simpatica evoluzione del cartello indicatore del cammino mi ricorda di non sbagliare strada, ma anche la canzone Highway to hell, ma questa è un’altra cosa.  Ora vado a recuperare il sonno perso, anche se la tappa di domani è decisamente...

Tappa Triacastela – Barbadelo 

By on Ago 18, 2016 in lungo_il_cammino_di_santiago | 0 comments

Comincia la giornata con la luna che sbuca da un mare di nebbia.  Ma arrivati a Sarria la compagnia deve perdere un pezzo importante, Paolo è bene che si fermi lì mentre noi proseguiamo. Affido il suo cammino al Cristo Salvatore, nell’omonima chiesa e faccio apporre un ulteriore “sello” alla mia credenziale.  Il cammino continua per pochi chilometri, intersecando una ferrovia.  Barbadelo ha un albergue a 9 € con piscina che è un toccasana per le gambe stanche.  Il giorno si conclude come è iniziato: la luna ci saluta così.  Ora vado a preparare la “mucilla”. Domani si prevede pioggia e voglio essere...

Tappa O Cebreiro – Triacastela 

By on Ago 17, 2016 in lungo_il_cammino_di_santiago | 0 comments

A tratti mi è sembrato di trovarmi di nuovo sui Pirenei e per l’attimo dopo l’ho desiderato, ma alla fine di questo viaggio ci sarà un altro viaggio da affrontare, spero almeno con lo stesso cuore e con una buona compagnia come questa che ho. La tappa avrebbe dovuto essere più leggera. Ma le difficoltà e gli imprevisti sempre dietro l’angolo. Imparare a fermarsi è una delle lezioni del cammino. Allora parte della compagnia di ieri va avanti e certamente non ci vedremo più sul cammino.  Ma oggi dedico la tappa a una coppia che mi ha annunciato la volontà di sposarsi.  È così apprendo la lezione di oggi: Per camminare insieme basta stare sotto lo stesso cielo.  Ora vado a tagliare i pomodori per la cena in...

Tappa Villafranca del Bierzo – O Cebreiro 

By on Ago 16, 2016 in lungo_il_cammino_di_santiago | 0 comments

La tappa si presenta impegnativa e quindi decidiamo di partire presto e come al solito prima di quando concordato.  Il paesaggio alpino fa sperare al fresco, che sinceramente non basta quando, dopo i primi venti chilometri, la salita inpenna per farci raggiungere i 1300 metri fine quota da poco più di 500 di partenza.  In questi casi capita di riuscire a superare quel ciclista che pochi istanti prima sorpassa pericolosamente. Ma poi un “buen camino” lo si scambia comunque.  Il paesaggio si fa sempre più ampio e gli ultimi due chilometri pesano meno, anche perché arriva Livio a incoraggiare.  Entriamo in Galicia e il conteggio dei chilometri a Santiago è ogni 500 metri. Il countdown mi inquieta un po’, ma mi sprona allo stesso tempo.  Il panorama dall’albergue si sovrappone con prepotenza alle nostre “botas”.  Avanti a una casetta col tetto in paglia ho desiderato che quel momento si prolungasse per una settimana.  La frase più bella del giorno è di Danilo: “fate il cammino delle persone e non dei chilometri”.  Ora vado a “comer”, faremo una grande tavolata di...

Tappa Molinaseca – Villafranca del Bierzo 

By on Ago 15, 2016 in lungo_il_cammino_di_santiago | 0 comments

Svegliato dal maltempo parto da solo. Ponferrada è avvolto da un buio surreale. I nuvoloni carichi di una pioggia che scaricheranno altrove rendono tetra la scena.  Oggi ho incontrato tanti sulla via del ritorno e l’invidio un po’, in fondo il cammino avrebbe anche il suo ritorno sempre a piedi.  Sarà il ferragosto o la terza colazione, ma oggi ho le ali ai piedi. Raggiungo il municipal di Villafranca del Bierzo per primo ancora prima che apra.  L’albergue è sotto la Iglesia de San Giacomo. Qui gli antichi pellegrini malati venivano dispensati a raggiungere Santiago. Noi al massimo abbiamo qualche “ampollas” e mi risuonano le parole di una pellegrina spagnola: “sin dolor no hay victoria”.  Proprio in questa chiesa ho l’opportunità di presiedere la messa e il tam tam tra pellegrini riempie tutti i banchi.  Tutti i giorni stanno passando sereni, ma questo lo è in un modo particolare,sto facendo pace col fatto che dovrò arrivare e tutto questo finirà.  L’albergue chiude presto e mi tocca sempre...

Tappa Rabanal del Camino – Molinaseca 

By on Ago 14, 2016 in lungo_il_cammino_di_santiago | 0 comments

Foncebadón all’alba immerge in tempi ormai lontani. Ci prepara alla salita al Croce di Ferro non solo con una buona colazione ma aprendo un panorama mozzafiato.  Mi sono preparato per bene a questo momento tradizionale del cammino.  Gettare la pietra che porto dell’Aspromonte dovrebbe significare i miei peccati e gettarla alle spalle chiama alla volontà di cambiamento.  Ho portato con me le preghiere di tanti che anche loro, come me, hanno voglia di rilanciare la propria vita e spero davvero che il Signore ci ascolti. Qualcuno che mi precede mi ricorda ancora padre Paolo. Non so chi sia ma lo ringrazio. Preghiamo insieme per la pace.  Camminando camminando, mancano solo 222 chilometri e quasi mi spiace avvicinarmi alla fine di questo viaggio. Qui a Molinaseca è festa e le persone godono il fiume. Anche noi ci siamo goduti questo toccasana per i piedi.  Ora scappo. La festa continua con la banda e festa in piazza, l’ostello chiude alle 23 e sfrutteremo tutto il tempo...